Itinerari Consigliati italia   Viaggi



Benevento in camper
  0 0

Itinerari e percorsi turistici in camper a Benevento

Itinerari e percorsi turistici in camper tra Benevento, Pietrelcina e il Fortore

Uno degli itinerari più interessanti che presentiamo, per la varietà delle tematiche offerte, è sicuramente quello che gravita intorno alla città di Benevento. Questo percorso in camper unisce al suo interno luoghi di notevole valenza storico-architettonica, tra le più importanti della regione, con quelli più rappresentativi del culto cristiano quale Pietrelcina (Città natale di Padre Pio). Il tutto immerso nella cornice di una naturalità diffusa, di buonissimi prodotti tipici campani e della buona, anzi buonissima, tavola. L'itinerario si sviluppa in un ambito spazialmente circoscritto ma denso di bellezze, tra la città di Benevento, la vicina Pietrelcina ed il Fortore, ognuna delle quali presenta delle peculiarità irripetibili nel loro genere.

Situata in un'area pianeggiante, alla confluenza del fiume Sabato nel Calore, Benevento ha origini che risalgono addirittura al VII sec. a.C.; il suo sviluppo successivo passa attraverso le dominazioni romane intorno al 250 a.C. e quelle Longobarde nel trecento, quando diviene sede del loro ducato acquistando notevole importanza come centro politico ed economico.

Tra gli innumerevoli monumenti che la città offre, spicca su tutti per rappresentatività l'Arco di Traiano, imponente monumento eretto nel 114 e che ancora oggi testimonia la potenza e le conquiste di Roma, ma anche le grandi doti artistiche degli scultori; interessanti i resti del Teatro di Adriano, con tracce di tutta la struttura, dalla cavea all'ambulacro interno. La zona archeologica presenta anche altri ruderi: il Foro, le Terme, il Tempio di Iside eretto da Domiziano, pochi tratti di mura e il Ponte Leporoso. Nonostante la loro presenza per circa due secoli, risultano meno vistose le tracce dei Longobardi, di cui rimangono comunque il Castello di Manfredi, circondato da mura che scendono verso la piana, e alcuni edifici religiosi come la chiesa di S. Sofia; altrettanto bello è il Chiostro, rifatto nel sec. XI su strutture che presentano elementi arabeggianti. Il Duomo, rifatto dopo ogni terremoto, subì il danno maggiore nel corso dell'ultima guerra, quando rimasero in piedi solo la facciata e il campanile del 1279, che conserva nella struttura marmi romani e una serie di altorilievi, tra cui il Cinghiale, divenuto lo stemma della città. Anche altre chiese sono state ricostruite più volte come la chiesa di S. Francesco e il suo Chiostro, la chiesa barocca di S. Domenico, e la chiesa della Madonna delle Grazie, che custodisce una statua lignea della Madonna(sec. XV). Interessante il Museo del Sannio, ospitato in S. Sofia, con le sezioni di archeologia, numismatica, arte moderna, la pinacoteca e il gabinetto dei disegni e delle stampe. Inoltre Benevento risulta molto viva soprattutto nelle sere d'estate, grazie alla realizzazione di grossi eventi soprattutto musicali ed enogastronomici, che rappresentano un altro valido motivo per conoscere questa suggestiva città.

A pochi chilometri da Benevento, sulla statale 212 si giunge a Pietrelcina, piccolo centro agricolo situato su di un ansa di un torrente che si riversa nel fiume Tammaro le cui origini risalgono ai primi anni del XII secolo. Notissima in Italia e non solo per aver dato i natali a Francesco Forgione meglio noto come Padre Pio, nella cittadina tutto sembra rievocarne la presenza, attraverso i luoghi che testimoniano le varie fasi della sua esistenza, dalla casa in cui è nato al convento dei cappuccini con annesso museo a lui dedicato, fino a un grosso olmo dove il giovane Padre ricevette le stimmate.

 Meta oramai di moltissimi pellegrini, Pietrelcina e le sue strade riescono ancora a conservare quell'aura sacrale ed allo stesso tempo semplice che la rendono un luogo ideale per coloro che intendono il viaggio anche come incontro spirituale e meditativo.

Ecco infine il verde... il verde vigoroso delle colline e dei monti del Fortore, dove la natura è ancora protagonista e nella quale i pochi insediamenti abitativi sembrano aver creato un tutt'uno con i costoni, i pendii, i boschi, le rare vallate. Situata subito a nord di Benevento la zona prende il nome dal fiume che la attraversa e può essere divisa in due parti: la prima è orograficamente la naturale continuazione delle colline beneventane mentre la seconda, verso il Molise, presenta caratteristiche nettamente montane. La maggior parte dei centri è di origine medievale anche se ci sono stati ritrovamenti che risalgono ad epoche precedenti; numerosi sono i castelli ed i ruderi risalenti al XV secolo, ancora ben tenuti ed interessanti da visitare. Girando tra le colline e le verdi vallate di grano si incontra l'incantevole laghetto di S. Giorgio la Molara.
Questa è una regione dove molte cose (per fortuna e purtroppo) sono rimaste come ieri se non l'altro ieri, conservando intatti non solo i luoghi ma anche le tradizioni, gli stili di vita.... È la naturalità diffusa insieme ad una antica tradizione enogastronomia a rappresentare il vero richiamo che forte risuona da questa terra...

Ultimi inserimenti

Keyword density