Destinazioni Estero   Viaggi



Alsazia, Foresta Nera, Olanda e Belgio in camper
  0 0

Un mese di inizio estate attraverso Francia, Germania, Belgio, Olanda.

Partenza il 15 giugno nel tardo pomeriggio. Sosta per la cena e poi diritti verso Lucca, per un controllo al nostro camper previsto per il 16 dal nostro concessionario di fiducia. Durante la mattinata approfittiamo del tempo di permanenza a Lucca per la spesa e poi di nuovo si riparte, direzione Grenoble attraverso il passo del Monginevro.

La sera del 17 ci aspetta una nostra cara amica che cortesemente ci fa trovare una bella cenetta pronta! Dormiamo nel suo giardino e la mattina dopo, dopo esserci salutati, ripartiamo verso l'Alsazia. Questa regione l'abbiamo visitata in inverno, e siamo certi che anche in estate possa offrire molto. Naturalmente durante il viaggio croissant e baguette! Arriviamo di sera e ci sistemiamo nel parcheggio dell'Ecomuseè. Il 18 entriamo e apprezziamo molto questa visita estiva: ci sono moltissimi animali, soprattutto cicogne, una stazione ferroviaria recuperata, 72 case tipiche a graticcio, una carbonaia, la rappresentazione di molti mestieri, bar, ristorante, fornaio. Passiamo qui tutto il giorno e, alla sera torniamo al camper per la cena dove ci attende per la seconda volta una cicogna; ci aspetta per cenare tutti insieme! 19 giugno: si decide di passarlo al Bioscope, vicinissimo e in qualche modo collegato all'Ecomuseè. E' un parco giochi realizzato all'insegna del rispetto verso il pianeta terra. Un gentile dipendente di origine italiana ci illustra lo scopo e ci indica il percorso migliore. Sono tantissimi i giochi divertenti e poco usuali nei parchi che abbiamo frequentato fino ad ora. Molto carino lo spazio del “Polo”, si può sentire con la mano la reale temperatura: -15°! Divertente la Déchets con la vasca delle palline, tanti consigli per gli elettrodomestici e i fucili per sparare dentro i bidoni della spazzatura delle palline di gomma; il “papillone vole”, si vola tra i fiori come farfalle; il settore dei giochi luminosi, bisogna saltare sulla risposta giusta; e tantissimi altri. Oltretutto il parco è vivibilissimo, poco affollato e spazioso. Per la sera siamo di nuovo al parcheggio dell’Ecomuseè, puntuali all’appuntamento per la cena con la cicogna! Il 20 iniziamo con la scoperta di alcuni borghi alsaziani, tutti bellissimi, ricoperti di fiori ovunque. Ribeauvillè (c’è una nuova area camper), Riquewihr (comoda l’area poco prima della porta della città), Kaysersberg, Kientzheim, dove parcheggiamo. Giornata intensa che viviamo fino a sera inoltrata. Il 21 inizia l’ultimo giorno in Alsazia, abbiamo intenzione di raggiungere l’Olanda attraversando la Germania. Per concludere questa prima parte del tour francese posto migliore non potevamo scegliere: la “Montagne des Singes”: circa trecento scimmie che vivono e si riproducono in uno spazio circoscritto, peraltro molto grande. Si passeggia e si offrono i pop-corn che vengono forniti al pagamento del biglietto, alle scimmie. Non si possono descrivere le espressioni di questi simpatici animali! Inserisco qualche foto per render meglio l’idea. Per la visita un paio d’ore sono sufficienti e quindi decidiamo di raggiungere il Castello di Haut-Koenigsbourg per una visita. Sono disponibili audio-guide in italiano e gli interni del castello sono ben conservati e ben spiegati. Anche qui spendiamo circa due ore per una visita molto accurata.

Il 22 inizia il percorso in territorio tedesco; decidiamo di visitare

Friburgo

e un po’ di

Schwarzwald

(Foresta Nera.) Il tempo è favorevole, e quindi mattinata di relax in piscina presso

Emmendingen

. Il pomeriggio visita a

Friburgo

. Parcheggiamo sul lungo-fiume nei pressi di

Marienstrasse

e passeggiamo per le strade della città; immancabile la visita al Duomo, con risalita al campanile: gradini! Per la sera chiediamo a dei connazionali che gestiscono un bar dove possiamo trovare un maxi-schermo per la partita Italia-Spagna. Ci indicano quello di

Heschholzstrasse

. Numerosissimi e gentilissimi gli italiani che vivono qui, ci si sente meno stranieri. Dimenticato il risultato della partita, il 23 ci inoltriamo nella Uhrenstrasse, la strada degli orologi e raggiungiamo prima il lago

Titisee

e poi

Triberg

. Area camper stranissima: cinque posti coperti collocati in una stradina nella parte inferiore di un parcheggio di un supermercato, almeno se piove non si sente il ticchettio dell’acqua. Interessanti e piacevoli le visite ai numerosi negozi-fabbriche di orologi: ci sono orologi a cucù di ogni tipo! Ma l’escursione alle

cascate di Triberg

(sono le cascate più alte della Germania, qui le acque del fiume

Gutach

precipitano da di 162 metri) è quella che più ci colpisce: scoiattoli ovunque; infatti alla cassa per il pagamento del biglietto vengono distribuite le arachidi che servono ad attirare gli scoiattoli. Uno di questi arriva fin quasi ai nostri piedi, e riusciamo persino a filmarlo! Di fianco all’entrata delle cascate ci sono vari giochi, un grande scoiattolo di legno, un percorso avventura, un bella passeggiata per arrivare fino ad un pittoresco laghetto Il giorno seguente (24) perdiamo un bel po’ di tempo nell’officina FIAT di

Triberg

per un problema ai freni, non rimaniamo granché soddisfatti sia per il prezzo sia perché successivamente scopriremo che cambiando le pasticche, rimontando il tutto hanno avvitato male i bulloni con conseguente spesa al nostro rientro in Italia! Tra l’altro non ci hanno voluto fare neanche la ricevuta con una non ben chiara scusa, aggiungendo che il prezzo finale non è coinciso con il preventivo fatto soltanto due ore prima! Attenzione quindi a chi (spero mai) dovesse aver problemi da quelle parti. Ritirato il camper ricominciamo il cammino verso l’Olanda. Troviamo qualche difficoltà a trovare un posto per la notte e per il carico/scarico, tutti i punti segnalati dal navigatore sembrano non esistere. Alla fine però troviamo una buona sistemazione nel P+R di

Köln

(

Colonia

).Qui chiacchieriamo (più o meno!) con dei camperisti tedeschi che ci regalano anche una bandierina tedesca che loro usano molto e che si aggancia ai finestrini delle auto; la conserviamo ancora nel nostro camper come ricordo. Il 25 entriamo in

Olanda

per la prima volta: l’effetto è indimenticabile! Distese di fiori, case belle e uniche nel loro genere. Giriamo così per le strade incantati. Ad un certo punto ci rendiamo conto di dover prendere una decisione su dove passare la notte, tenuto conto che in Olanda è vietato il campeggio libero.

Decidiamo per il camping “Hoge Veluwe National Park” in previsione della visita all’omonimo parco il giorno dopo. Campeggio bello e a buon prezzo (circa 24 euro al giorno), con piscina esterna ed interna riscaldata, servizi (approfittiamo per il bucato), giochi per i bimbi, ristorante, bar e addette alla reception gentilissime che in inglese ci indicano i posti che secondo loro, meritano di essere visitati. L’Olandese è incomprensibile, ricorda vagamente …ma molto vagamente il tedesco, l’aspetto positivo è che gli olandesi conoscono tutti l’inglese …il che risolve tutto! Nel pomeriggio ci addentriamo nel Parco; nel biglietto di ingresso è compreso l’uso delle bici, sono tutte bianche, di varie misure e ne hanno circa 1.700. In un pomeriggio percorriamo una quarantina di chilometri., avvistiamo vari animali, fra cui una mamma cerbiatta con tre cerbiattini, cinghiali, cervi. Molto interessante il centro visite del parco, dove si può scoprire la natura, gli ambienti, gli animali e le piante selvatiche del parco con l'aiuto di mostre interattive. All’interno un negozio di souvenir e di fronte un ristorante e vari giochi per bimbi. In giugno e luglio è aperto addirittura fino alle 22! Ma il centro visite ed il Kröller-Müller Museum (contiene opere di Vincent van Gogh , George Seurat, Pablo Picasso, Fernand Leger, Piet Mondriaan e altri), chiudono molto prima. La sera dormiamo di nuovo al campeggio e il giorno dopo proseguiamo verso la diga di Afsluitdijk. Ci fermiamo presso l’Ufficio Turistico di Den Oever (in Olanda gli uffici per il turismo sono indicati con la sigla VVV), dove c’è una simpatica signora che parla italiano. Mentre percorriamo la diga, notiamo due camper italiani parcheggiati vicino al mare, e incoraggiati dormiamo lì tutti insieme. La mattina del 28 giugno andiamo a visitare Hoorne, siamo fortunati perché c’è la fiera e vendono tante cosine molto originali: acquistiamo una farfalla finta ed un porta-cibo per gli uccellini liberi da agganciare alle pareti del terrazzo. Vendono anche enormi mucche finte da giardino e tanti altri svariati arredi per giardino. Vicino al parcheggio (Julianapark) c’è una mini riserva con tantissimi animali: cerbiatti, cigni, papere. Pomeriggio alla scoperta dei monumenti più tipici dell’olanda: i mulini a vento di Zaanse Schans. Subito dopo il parcheggio (6.50 euro al giorno),un enorme zoccolo per immortalare i bimbi e un negozio di souvenir. Spostamento in serata verso Volendam, dove c’è una delle poche aree sosta camper libere; unico accorgimento, parcheggiare esclusivamente negli spazi destinati ai camper. Abbiamo visto multare camper e caravan che avevano occupato i posti dei bus. Volendam è veramente deliziosa come cittadina ed il 29 mattina usciamo per una passeggiata e abbiamo anche qui la fortuna di capitare proprio il giorno della festa annuale. A parte le solite bancarelle con ogni genere di merce, soprattutto lungo il porto completano la fiera gli artigiani, gli affumicatori di aringhe e tante persone in costume tipico. Vedendo il battello per Marken ci incoraggiamo e saliamo. Negli spazi aperti è freddissimo e quindi ci rintaniamo negli spazi chiusi. La cittadina è carina ma non ci entusiasma più di tanto. Mentre aspettiamo il battello per tornare assaggiamo il pesce fritto onnipresente in Olanda. Non male. Torniamo a Volendam e girovaghiamo ancora un pochino fra le bancarelle e i negozi in cerca di qualche souvenir. Risaliamo tutti a bordo del nostro camper e ci spostiamo a Monnickendam: considerato tra i più pittoreschi, ci era stata consigliata la visita a questo paese dall’addetta alla reception del camping. Qui veniamo fermati da una macchina olandese, neanche il tempo di chiederci il motivo e scopriamo che sono in realtà italiani che vivono lì da trent’anni. Chiacchieriamo un pochino e poi ci guidano gentilmente ad un parcheggio molto comodo che mai avremmo trovato da  soli. Per la notte torniamo a Volendam. E’ il 30 giugno e abbiamo ancora qualche giorno a disposizione. La decisione della prossima città cade su Haarlem; è il capoluogo dell’Olanda Settentrionale (Noordholland), dove c’è quella che è considerata la più bella chiesa della regione. Purtroppo la troviamo chiusa ma meritava di essere vista anche solo dall’esterno. Facciamo comunque una passeggiata in bici verso il centro dove ci fermiamo da McDonald's. Tornati al camper, c’è da decidere il programma per il giorno successivo e ci incuriosisce quello che è considerato il mercato mondiale dei fiori. Ci spostiamo quindi ad Aalsmeer, ma non parcheggiamo subito; giriamo un pochino lungo un canale per ammirare le abitazioni olandesi, uniche nel loro genere. Dormiamo nel parcheggio non lontano dalla Chiesa e, al mattino (1 luglio) chiediamo indicazioni per raggiungere il mercato; sorpresa inaspettata: quello che viene erroneamente chiamato mercato, è in realtà un’immensa area (addirittura attraversata da una superstrada!). Viene chiamata la Wall Street dei fiori ed è sorprendente la quantità che viene ogni giorno venduta. Per i visitatori ci sono degli orari stabiliti ed un negozio dove acquistare; gli acquirenti abituali partecipano alle aste, ce ne sono ben tre di sale. Per il pomeriggio scegliamo di rilassarci un po’ in piscina; scegliamo quella di Edam: bellissima. Come sempre da queste parti, le piscine sono sia coperte che scoperte: scivoli per bambini, idromassaggio, etc. 2 luglio: c’è il mercato settimanale del formaggio (kaasmarkt) ad Edam. Sono tre le città che mantengono la tradizione del mercato del formaggio in costume e con vendita all’asta: Edam, Gouda e Alkmaar. Ad Edam c’è il "Kaaswaag", che è un edificio adibito a pesa pubblica per il formaggio. Sono centinaia le forme di formaggio che vengono trasportate su assi all'interno del "Kaaswaag"; qui vengono pesate e poi vendute; i contraenti stabiliscono il prezzo con un modo molto particolare: sbattendo le mani. Le forme arrivano dalle strade e dai canali e tutti i partecipanti sono in costume tradizionale. Torniamo al camper, pranziamo e ci prepariamo per riprendere il viaggio; lasciamo l’Olanda, neanche tanto a malincuore visto che un gentile camerista olandese ci avvisa di una prossima grandinata annunciata dalla tv. Per nostra fortuna il tempo è stato sempre bellissimo, cosa assai poco frequente in questa zona abbastanza piovosa. Ci incamminiamo verso il Belgio, dove strada facendo visitiamo un monumentale cimitero canadese. Arriviamo a Damme, vicino Bruges e decidiamo di fermarci nell’area camper appena fuori la città. Dopo cena facciamo una passeggiata verso il centro di Damme, bella la Chiesa di Oostkerke. Il mattino successivo, 3 luglio, visita a Bruges. La città è stupenda, anche se il sole non si fa vedere spesso. Ripartiamo verso le 18, direzione Francia.

La sera ci fermiamo a dormire Grand-Fort-Philippe. 4 luglio: visita a lungo la Côte d'Opale a Cap Blanc Nez e Cap Gris-Nez. Scogliere altissime e panorama sull’Oceano e sulle scogliere bianche di Dover da Cap Blanc, che si possono osservare grazie a dei cannocchiali. A Cap Gris scendiamo giù fino a bagnarci nelle acque oceaniche; tanti i pittori che immortalano le falesie. Impieghiamo una mezz’ora per risalire fino al parcheggio, da dove riprendiamo il cammino. Arriviamo davanti alle Batterie Tod, ma è ormai chiusa. Per la notte scegliamo l’area di Le Portel (P+CS+acqua gr.8.30/9.30_17.30/18.30) Ci alziamo (5 luglio) decisi a passare, visto il bel sole, un giorno all’aria aperta. Prima passeggiata sulla spiaggia, dove osserviamo con quanta rapidità la marea sommerge la spiaggia. Asciugati e cambiati, facciamo una bella passeggiata nel “le site natural des Dunes du MontSaint Frieux”, bel percorso anche se non riusciamo ad avvistare alcun animale. Ci spostiamo lungo la costa, per ammirare il paesaggio. Passando a Saint Valere sur Somme ci accorgiamo della pubblicità di una festa. Ci fermiamo presso l’area camper ed usciamo per scoprire cosa sono queste annunciate “fêtes Guillaume”. La strada da percorrere a piedi è un bel po’ ma ne vale la pena: è una festa vikinga con bancarelle d’epoca, dimostrazione della coniatura delle monete, del tiro con l’arco, di vari mestieri e giochi medievali per i bimbi. C’è anche un concerto di musica celtica, che apprezziamo e uno stand dove vengono serviti würsteln fritti e patatine fritte. La festa rievoca il passaggio in città, mentre era in partenza per l’Inghilterra, di Guillaume Le Conquerant nel 1066. Il giorno dopo (6 luglio), ci spostiamo verso Etretat, che raggiungiamo di sera e che resterà nel nostro ricordo come l’unica visita bagnata dalla pioggia. Unica tappa prima di arrivare a Le site des falaises, una breve tappa per visitare il cimitero di guerra franco-britannico di Saint-valery-en-caux. Anche se con una pioggia spaventosa, le falesie sono uno spettacolo indimenticabile. Dormiamo a Le Havre. 7 luglio: attraversiamo il Pont de Normandie e ci fermiamo ad Honfleur. Bellissimi i giardini “Le jardine retrouvé”, dove si trova la statua del cane Mou Mou inaugurata il 29 novembre 1997 dal sindaco di Honfleur ; Mou Mou è un cagnolino sirena simbolo dell’amore eterno e la tradizione vuole che porti fortuna agli innamorati che vengono qui a vederlo. Visitiamo anche l'église Sainte-Catherine, la più grande Chiesa di Francia costruita in legno, vale la visita. Il pomeriggio, però, abbiamo un’idea non proprio felice; andiamo in piscina. L’acqua, benché la piscina fosse coperta, era freddissima e ancora ricordiamo i “locali” uscire anche fuori in giardino per prendere il sole! 8 luglio: oggi visita al castello di Guglielmo il Conquistatore (château Guillaume-le-Conquérant ) a Falaise e l'église Sainte Trinité. Il castello è molto bello all’esterno, è ancora in fase di ristrutturazione (i bastioni saranno in restauro fino al 2011), in quanto da pochi anni aperto al pubblico dopo anni di abbandono; la visita non è di quelle memorabili, anche perché non sono presenti le audioguide. Ci è piaciuta molto di più la Chiesa; bella anche la statua de Guillaume le Conquérant. Cercando sullo stradario, ci accorgiamo di essere vicini a Lisieux, capoluogo della regione Pays d’Auge e decidiamo per la visita al maestoso Santuario. Purtroppo è molto tardi e dobbiamo vedere tutto molto velocemente. Approfittiamo comunque delle giornate lunghissime che si hanno a questa latitudine in estate, per visitare il cimitero tedesco di La Cambe, dove si trovano 21.222 spoglie di soldati tedeschi. Il viaggio prosegue verso Cherbourg. Arriviamo vero le 22.30 e parcheggiamo vicino all’entrata de La Citè de la Mer, che visitiamo il giorno successivo (9 luglio). Qui c’è il sottomarino visitabile più grande del mondo (Le Redoutable), vari acquari (fra cui il Grand Aquarium Abyssal, il più profondo acquario d’Europa con la sua vasca alta 11 metri) ed una sala con dei pc con programmi sul mondo marino (solo inglese e francese. Usciamo nel tardo pomeriggio e da qui ci dirigiamo a Sainte Mère-Eglise. Qui si ricorda il soldato americano John M. Steele, classe 1912, il quale, paracadutista dell'82^ divisione delle forze aeree americane, durante l’assalto rimase più di due ore impigliato al campanile di Sainte Mère-Eglise, mentre sotto di lui si svolgeva una battaglia furiosa; si salvò facendo finta di essere morto e per ricordare il suo gesto c’è ancor oggi un manichino sul campanile della Chiesa. D’ora in poi inizia il ritorno verso casa. Il 10 luglio sarà solo di viaggio; l’11 invece, decidiamo di fare una pausa e ci fermiamo per visitare Il Monastero della Gran Certosa (Monastère de la Grande Chartreuse) a Saint-Pierre de Chartreuse nel dipartimento dell’Isère. Nel museo della Gran Certosa si può usufruire di una audio guida in italiano, audiovisivi, fotografie, plastici. Un paio d’ore sono sufficienti per la visita, così, dopo aver pranzato, ci spostiamo nella piscina comunale di Saint-Pierre per le ultime ore di vacanza. Rientro a casa il 13 luglio.

 

 

Europa in camper | itinerario in camper Alsazia | Itinerario in camper Foresta Nera | Itinerario in camper Olanda | Itinerario in camper Normandia |

Nazioni

Ultimi inserimenti

Keyword density